Ritratto di Alejandro González Iñárritu. @Brigitte Lacombe
13 Gen – 1 Feb 2016

“Flesh, Mind and Spirit” è una selezione di 15 film realizzata dal regista, vincitore di tre premi Oscar, Alejandro González Iñárritu (Città del Messico, 1963) in collaborazione con Elvis Mitchell, critico cinematografico e curatore al LACMA di Los Angeles.

Proposta per la prima volta nel 2009 al Prada Transformer realizzato da OMA a Seoul, la rassegna rappresenta un’occasione unica per rivivere le pulsioni, le suggestioni e le passioni che hanno animato il regista nella scoperta e nella visione di queste pellicole. Come spiega Iñárritu, “nonostante la natura estremamente eclettica di questa selezione, si può trovare un elemento in comune: le esperienze ricche di emozioni che i diversi film riescono a suscitare. Tutti hanno provocato in me appetiti che non avrei mai immaginato di avere”.

I lungometraggi sono divisi in tre categorie contraddistinte da altrettante parole chiave: “Flesh” che include I pugni in tasca (1965), Aguirre, furore di Dio (1972), Le stagioni (1975), Killer of Sheep (1977), Padre Padrone (1977), Yol (1982) e Il buono, il matto, il cattivo (2008); “Mind” che comprende L’anno scorso a Marienbad (1961), Soy Cuba (1964), La Ciénaga (2001) e You, the Living (2007), e “Spirit” che riunisce i film Ordet – La parola (1955), Madre e figlio (1997) e Silent Light (2007). Come sottolinea Elvis Mitchell a proposito delle pellicole, “in gran parte affrontano il tema della famiglia in crisi. La forza dei legami familiari è un elemento chiave per interpretare il modo in cui Iñárritu lavora, pensa e sente come regista e persona”.
Il 13 gennaio 2016 si terrà la proiezione al pubblico del film di Pál Fejös Primo amore – Lonesome (1928), con accompagnamento musicale dal vivo, a cura di Andrea Griminelli e Irene Veneziano.

La rassegna è stata prolungata per il weekend del 6 e 7 febbraio 2016 con la presentazione del film C’era una volta il West (1968) diretto da Sergio Leone.

A proposito di questo film Sergio Leone ha affermato: “Volevo fare una danza funebre plasmandola con i miti ordinari del western tradizionale: il vendicatore, il bandito romantico, il ricco proprietario, l’uomo d’affari criminale, la prostituta. A partire da questi cinque simboli, volevo mostrare la nascita di una nazione.”

Le proiezioni sono organizzate in collaborazione con Cineteca di Bologna e Leone Film Group. Il film è presentato nella versione in 35 mm, restaurata da Film Foundation e Fondazione Cinema per Roma, in collaborazione con Leone Film Group e Paramount Pictures.

Video

Alejandro González Iñárritu in conversazione con Elvis Mitchell su "Flesh, Mind and Spirit"
Elvis Mitchell presenta "C'era una volta il West" (1968) di Sergio Leone

FOLLOW US ON INSTAGRAM