Negli anni ’90 venne lanciata la televisione digitale (DTV). All’epoca del suo sviluppo, fu considerata un progresso innovativo e rappresentava la prima evoluzione significativa nella tecnologia televisiva dalla televisione a colori negli anni ’50. Approfondendo le potenzialità dei media televisivi nel corso della sua carriera cinematografica, il regista inglese Watkins iniziò a lavorare come assistente produttore di cortometraggi televisivi e spot pubblicitari; nei primi anni ’60 fu assistente montatore e direttore di documentari alla BBC. Tutti i suoi film sono documentari o drammi presentati con tecniche documentaristiche, a volte restituendo avvenimenti storici, o eventi del futuro prossimo, come se reporter e cineasti contemporanei fossero lì per intervistare i partecipanti. La Commune è stato girato in soli 13 giorni in una fabbrica abbandonata alla periferia di Parigi. Watkins usa il media come una cornice, e anche così, riesce a infondere la sua narrazione. Non meno dell’evento che racconta, La Commune è definito come “un trionfo dell’azione spontanea”.

FILM IN PROGRAMMA

1990S NEWS REPORT
2021, 1’
Versione originale inglese

Nazione: Stati Uniti
Distribuzione: Kinolibrary

Un breve estratto di notizie sul lancio della trasmissione di segnali audiovisivi televisivi utilizzando la codifica digitale, in contrasto con la precedente tecnologia televisiva analogica che utilizzava segnali analogici. Questa innovazione ha segnato una rivoluzione nel territorio dell’intrattenimento e nell’informazione.


LA COMMUNE
210’, 2000
Versione originale francese con sottotitoli inglesi

Regia: Peter Watkins
Nazione: Francia
Distribuzione: 13 Production
VM18

La Commune è un documentario che rievoca l’insurrezione parigina che nel 1871, per poco più di due mesi, portò alla costituzione di un governo cittadino di ispirazione socialista e ad autogestione popolare, democratico, laico e libertario, incorporando ambiguità e contraddizioni dell’inedito evento storico.