Augure – Ritorno alle origini (2023), Di/by Baloji, Courtesy I Wonder Pictures, ®Wrong-Men

Domenica 21 aprile il musicista, regista e artista belga di origine congolese Baloji presenta la sua opera prima Augure – Ritorno alle origini (2023) vincitore del New Voices Award al Festival di Cannes nel 2023.

La proiezione del film è seguita da una conversazione tra il regista e Alessandra Speciale, consulente della Mostra del Cinema di Venezia e direttrice artistica di FESCAAAL.

L’evento è parte di #Anteprima, che rivela film inediti prima della loro uscita nelle sale italiane.


BIOGRAFIA

Nato nel 1978 a Lubumbashi (Repubblica Democratica del Congo) e residente in Belgio, Baloji è un musicista pluripremiato, regista e artista eclettico. Il significato del nome Baloji si riferisce a forze occulte e maligne. In Swahili, originariamente significava “uomo di scienza”, ma in epoca coloniale si trasformò in “uomo di scienze occulte/stregone”. Questa attribuzione ha influenzato tutta la sua opera e ha plasmato la sua visione con un immaginario sospeso tra l’onirico e il realismo magico. Nel 2023 ha debuttato alla regia di un lungometraggio con Augure – Ritorno alle origini (Premio New Voice, Festival di Cannes 2023), film inedito e affascinante, accompagnato da una trascinante colonna sonora in quattro parti che Baloji ha composto ispirandosi alle diverse personalità dei quattro personaggi principali. Come musicista, Baloji ha pubblicato due album e due EP acclamati dalla critica, l’ultimo dei quali “Avenue Kaniama” per la Bella Union Records