Cinema Godard, Talk con Alex de la Iglesia, Ph. Patrick Toomey Neri

A febbraio #Soggettiva offre la possibilità di immergersi nell’appassionante ed eclettica filmografia del regista e sceneggiatore spagnolo Álex de la Iglesia, protagonista, sabato 24 febbraio alle ore 20:30, di una masterclass con la produttrice e attrice Caroline Bang, moderata da Manlio Gomarasca e Paolo Moretti.

Noto per il suo stile irriverente e grottesco, Álex de la Iglesia è autore di molti film culto come il lungometraggio d’esordio prodotto da Pedro Almodóvar Azione mutante (1993), Il giorno della bestia (1995), vincitore di sei premi Goya, e Ballata dell’odio e dell’amore (2010), Leone d’Argento alla Mostra del Cinema di Venezia.

BIOGRAFIA
Álex de la Iglesia è uno degli autori più eclettici e irriverenti del cinema spagnolo.
Nato a Bilbao nel 1965, cresce con la passione per il cinema e i fumetti. Nel 1993 debutta sul grande schermo con il lungometraggio di fantascienza Azione mutante, prodotto da Pedro Almodóvar. Nel 1995 vince sei premi Goya, tra cui miglior regia, per il film Il giorno della bestia. A partire dalla seconda metà degli anni Novanta realizza diverse commedie grottesche come Muertos de risa (1999), La comunidad – Intrigo all’ultimo piano (2000) e Crimen perfecto – Finché morte non li separi (2004). Nel 2010 Ballata dell’odio e dell’amore, presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia del 2010, vince il Leone d’Argento per la miglior regia e riceve le lodi di Quentin Tarantino. Dopo Le streghe son tornate (2013), Mi gran noche (2015) ed El bar (2017), escono nel 2022 lo slasher Veneciafrenia e il road movie romantico Four’s a Crowd. Con la moglie, Carolina Bang, fonda nel 2014 la casa di produzione Pokeepsie Films, supportando il lavoro di tutta una nuova generazione di registi.